INIZIARE A FINIRE

Come acqua in un bicchiere

prendo della tua mente la forma,

formando piani quadrati che con innaturale grazia

riesci a squadrare.

Ricordo di non pronunciare troppo spesso il tuo nome

per non negarti e smarrirti mai sfacciatamente tra i denti;

e mentre timidamente il tuo bianco viso varca la soglia

di una mente cupa,

fermiamo la città su strisce pedonali

bianche e nere;

i battiti in armonia

con le anarchiche melodie dei clacson.

Si spengono le luci e

si aprono i tuoi occhi,

dando il via ad uno sgargiante inizio.

2 Comments

Add yours →

  1. Come sempre una dolcissima poesia d’Amore!Giancarlo martelli

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: